Home Page La personal page di
Alessandro Peroni
Sito di studi illuministici, rivoluzionari e romantici





J.-J. Rousseau
Jean-Jacques Rousseau
e l'Utopia musicale


Saggio pubblicato in "La Fortezza",
IX, nn. 1-2/1998 - X, nn. 1-2/1999, pp. 75-86
(uscito nel 2002)


Nel Saggio sull'origine delle lingue (pubblicato postumo), Rousseau ricostruý la storia del linguaggio dell'uomo, il cui scopo primitivo era l'espressione del sentimento. Proprio per questo, la lingua dei primi uomini era intrinsecamente musicale. In seguito, la civiltÓ obblig˛ le lingue ad una maggiore chiarezza: si svilupparono la grammatica e la logica, ma and˛ perduta l'espressione.
Il linguaggio, la musica raggiunsero il loro apice nella Grecia omerica, vagheggiata da Rousseau come una sorta di perduta Utopia delle lingue, mentre le tappe della loro decadenza iniziarono con la sofistica e proseguirono con le invasioni barbariche. La musica moderna non rappresenta che il pallido ricordo di quella prodigiosa dei Greci (qualcosa di quest'ultima - forse - sopravvive nella melodia italiana), mentre la parola ha perso completamente la capacitÓ di esprimere pubblicamente le passioni, specchio - questo - di una realtÓ politica e sociale che vieta all'uomo di parlare ai popoli nelle piazze, ma che lo costringe alle chiacchiere sommesse dei salotti.



    Bibliografia essenziale

  • J.-J. ROUSSEAU, Saggio sull'origine delle lingue, a cura di P. Bora, Torino, Einaudi, 1989.
  • E. FUBINI, Gli Enciclopedisti e la musica, Torino, Einaudi, 1991.
  • E. FUBINI (a cura di), Gli Illuministi e la musica. Scritti scelti, Milano, Principato, 1969.
  • R. WOKLER, Rousseau on Society, Music and Language: a historical interpretation of his early writings, New York-London, Garland, 1987, cap. IV, The Controversy with Rameau and the Genesis of the "Essai sur l'origine des langues", pp. 235-378.
  • F. ZAMBELLONI, Linguaggio musicale e linguaggio lirico in Rousseau, "Rivista di filosofia", LXV, 1974, 1, pp. 5-32



Questo sito non utilizza cookies